Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

Muse e The Verve

12,00 €
Nessuna tassa

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

 

Il libro

Con professionalità e passione Luca Bonanni traccia un profilo storico e musicale dei Muse e dei The Verve, analizzandone i testi e le influenze rispetto alla storia del Rock.

 

L'autore

Luca Bonanni è nato nel 1975 a Roma, dove attualmente vive e lavora. Da molti anni dedica una parte importante del proprio tempo alla musica rock. Questa forte passione lo ha portato a seguire concerti un po’ ovunque, nella sua città, in Italia e all’estero. In particolare in Inghilterra e in Irlanda, dove ha approfondito vari aspetti della musica e della cultura giovanile locale. Ha collaborato alla stesura de La storia del Rock vol.3 - Satisfaction (Editori Riuniti, 2005) e ha pubblicato Gli Oasis e il Brit–Pop - come sentirsi vivi negli anni ’90 (Edizioni Ferdinando Lo Vecchio, 2006).

 

 

Incipit

Seppure le radici e le sue prime manifestazioni vadano ricercate nell’anima nera e profonda degli Stati Uniti d’America, il contributo decisivo all’evoluzione del rock è stato portato dai musicisti inglesi. Beatles, Stones, Black Sabbath, Sex Pistols e Stone Roses hanno scritto e codificato le regole del gioco nonché impresso quelle innovazioni necessarie ad impedire che tale genere musicale si impaludasse in lunghi periodi di stasi creativa. Sono stati determinanti nel permettere che si manifestasse con intriganti sfumature, alcune volte inedite, altre frutto di incroci fra diversi modi di interpretarlo. Tuttavia, archiviata la breve parentesi del punk di fine anni ’70, nulla di realmente significativo era più venuto alla luce: a dettare i tempi e impressionare le folle ci pensava gente proveniente dall’altra sponda dell’oceano. Qualche nome? Guns’n’ roses, Metallica, Nirvana, Pearl Jam, Green day. Tutti validissimi primattori, in grado di entusiasmare perfino il tipico fan albionico, nazionalista e allergico alle innovazioni.

 

 

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Muse e The Verve

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: