Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok

La poesia di Alfredo de Palchi

0 Review(s) 

La poesia di de Palchi era chiaramente delineata fin dall’inizio:  una individualità esasperata, un tragitto destinale che diventa il percorso della parola poetica. Il maledettismo di de Palchi non è nulla di letterario, non è costruito sui libri ma è stato edificato dalla vita, come la poesia del grande Villon la cui poesia costituirà per de Palchi un modello e un costante punto di riferimento.

12,00 €
Nessuna tassa

100% secure payments
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

La poesia di de Palchi era chiaramente delineata fin dall’inizio:  una individualità esasperata, un tragitto destinale che diventa il percorso della parola poetica. Il maledettismo di de Palchi non è nulla di letterario, non è costruito sui libri ma è stato edificato dalla vita, come la poesia del grande Villon la cui poesia costituirà per de Palchi un modello e un costante punto di riferimento.

L'autore

Alfredo de Palchi nasce a Legnago (Verona) nel 1926. Nel1967 pubblica per Mondadori, nella collana “Lo Specchio” a cura di Vittorio Sereni, l’opera di esordio: Sessioni con l’analista.Negli anni Cinquanta si trasferisce prima a Parigi e poia New York. Per cinquanta e più anni scompare dalle edizionidella poesia italiana maggioritaria, e viene riletto e rivalutatosoltanto adesso dai poeti della quinta e sesta generazionedel Novecento, che lo eleggono a maestro indiscusso dellapoesia contemporanea. Durante questi decenni ha diretto aNew York una rinomata rivista di poesia, “Chelsea”, ed hacurato la traduzione e la diffusione negli Stati Uniti dellapoesia italiana del Novecento. Come è potuta accadere unaamnesia così sorprendente? Quali i motivi? Il fatto è che dePalchi ha un modo di poetare assolutamente così singolareche non può essere accomunato a nessun altro linguaggiopoetico italiano del secondo Novecento. Quella sua particolarissimalontananza nostalgica dall’Italia lo renderà estraneoalla cultura del post-ermetismo e del successivo sperimentalismo.

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

La poesia di Alfredo de Palchi

La poesia di de Palchi era chiaramente delineata fin dall’inizio:  una individualità esasperata, un tragitto destinale che diventa il percorso della parola poetica. Il maledettismo di de Palchi non è nulla di letterario, non è costruito sui libri ma è stato edificato dalla vita, come la poesia del grande Villon la cui poesia costituirà per de Palchi un modello e un costante punto di riferimento.

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: