Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

Sulle rovine di Cartagine

12,00 €
Nessuna tassa

Giacomo Caruso in questo suo libro va confermando ed evolvendo le caratteristiche delle sue precedenti sillogi. Una poesia a vocazione civile alimentata da spinte emotive ed etiche, una testimonianza del disagio sociale divenuto intollerabile dove le apparenze non riescono più a nascondere la distruzione in atto, così come abbiamo appurato in “Apparenze” (Edizioni Progetto Cultura, 2015). E se si tratta di grattare via la patina, lo «smalto sul nulla» di benniana memoria che offusca lo stato reale delle cose, la concretezza del verso di Caruso è evidente fin dall’incipit del libro: Salviamoci.

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Giacomo Caruso in questo suo libro va confermando ed evolvendo le caratteristiche delle sue precedenti sillogi. Una poesia a vocazione civile alimentata da spinte emotive ed etiche, una testimonianza del disagio sociale divenuto intollerabile dove le apparenze non riescono più a nascondere la distruzione in atto, così come abbiamo appurato in “Apparenze” (Edizioni Progetto Cultura, 2015). E se si tratta di grattare via la patina, lo «smalto sul nulla» di benniana memoria che offusca lo stato reale delle cose, la concretezza del verso di Caruso è evidente fin dall’incipit del libro: Salviamoci.

L'autore

Giacomo Caruso è nato nel 1956. Ha conseguito il diploma di Maturità Classica e ha compiuto studi di Scienze Politiche. Dal 1978 lavora nella Pubblica Amministrazione. Vive e opera a Roma. Compositore/chitarrista, autore e poeta,  ha pubblicato quattro lavori discografici con le sue band STILL-LIFE e KARMABLUE. È tra i fondatori dell’associazione culturale LUDICI MANIERATI e del Teatro YGRAMUL. Collabora come editor con le Edizioni Chillemi, che pubblicano saggistica di storia e storia militare. La sua prima silloge poetica è apparsa nell’antologia IL SÉ, LA POESIA, IL MONDO, edita da Giulio Perrone Editore nel 2011. Dal 2012 coordina, insieme a Marco Limiti, il Laboratorio di Poesia del “Mangiaparole”, che ha dato vita al movimento poetico dei Mangiaparolisti. Con Edizioni Progetto Cultura ha pubblicato le raccolte poetiche Trasluce (2014) e Apparenze (2015).
È deceduto causa covid 19 a marzo del 2020

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Sulle rovine di Cartagine

Giacomo Caruso in questo suo libro va confermando ed evolvendo le caratteristiche delle sue precedenti sillogi. Una poesia a vocazione civile alimentata da spinte emotive ed etiche, una testimonianza del disagio sociale divenuto intollerabile dove le apparenze non riescono più a nascondere la distruzione in atto, così come abbiamo appurato in “Apparenze” (Edizioni Progetto Cultura, 2015). E se si tratta di grattare via la patina, lo «smalto sul nulla» di benniana memoria che offusca lo stato reale delle cose, la concretezza del verso di Caruso è evidente fin dall’incipit del libro: Salviamoci.

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: