Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

Il silenzio che racconta la vitae il rosmarino

15,00 €
Nessuna tassa

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il libro

La storia di Lisa, donna tenace e caparbia simbolodella colpa di essere nata donna nel sud Italia dei primi anni del Novecento, e del suo grande amoreper i figli. Una storia fatta di soprusi ed abbandoni da parte di uomini violenti ed egoisti, ma anche commovente e carica di lirismo, che parte dall’infanzia e arriva fino al momento del riscatto quando Lisa, ormai ottantenne, ricompone il cerchio della sua vita, conservando nei suoi occhi lesfumature e i colori del “bosco di fine ottobre delleterre del sud”.Il romanzo è ambientato in un piccolo paese della Basilicata,definito “il paese fantasma”, recentemente inserito tra i benidella Watch List 2010.

 

L’autrice

Maria Antonietta D’Onofrio, nata nel 1957, vive e lavora come medico di famiglia a Pisticci, in provinciadi Matera. Impegnata nel volontariato e interessata alle problematiche della violenza sulle donne e suibambini, e alla difesa delle “diversità”, è appassionata di lettura e scrittura alle quali conferisce anchevalore terapeutico. Autrice di poesie e racconti brevi, per i quali ha ottenuto numerosi riconoscimenti, nel2008 ha pubblicato il suo primo romanzo Ora aspetto la vita che mi cerchi. La sua scrittura nascedall’ascolto delle voci più sottili, più nascoste e più umili e dei respiri flebili di esseri umani cherimarrebbero nell’ombra.

 

Incipit

Il bosco negli occhiLa ragazza ha il bosco negli occhi, il bosco di fine ottobre delle terre del sud. Foglie e muschio, bacche e cespugli dimacchia, lentisco, edere, ghiande, felci e ricci di castagne, ogni mattina si mescolano e si dissolvono fino a riempirle l’irideattorno alle pupille, quando Lisa si alza, apre la finestra sui calanchi di pallida argilla e sorride ai radi ciuffi di lygeum.E quando, sporgendosi dalla finestra, allarga le braccia alla luce, solleva la testa e le belle spalle, porta in avanti i senirotondi e ancora sorride al nuovo giorno.Molti anni più tardi, un giorno e per molti giorni, il Colonnello le dirà accarezzandole la guancia: “Adoro i tuoi occhi,perché sono pieni di tanti minuscoli nei. Nel fondo del tuo sguardo c’è la musica alla quale avrei voluto affidare i mieisogni.”

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Il silenzio che racconta la vitae il rosmarino

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: