Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

La maschera scomparsa

10,00 €
Nessuna tassa

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

 

L’incontro con la scrittura di Lidia Are Caverni,
migrante nell’infanzia e nell’adolescenza dalla Sardegna
(Olbia) alla Toscana (Livorno) e approdata a Venezia-
Mestre, è di quelli che lasciano una traccia nella memoria
emozionale.
Cittadina di porto, abitatrice di spazi liminari terramare,
accoglie ciò che il vento dell’ispirazione le porta
dalle onde e dalle zolle e lo declina nella pluralità dei linguaggi
che abitano le banchine, dove si arriva e si parte
da/per altri luoghi.
Ai bambini e alle bambine cui ha insegnato, da maestra,
come ai lettori e alle lettrici che la seguono dall’esordio
ha regalato una prosa e una poetica piena di sonorità,
d’evocazioni saldamente radicate nelle sue passioni per
l’antropologia e la storia, di scavo in grotte e in stanze
dove aleggia il mito ma l’incontro è con i sogni e con il
quotidiano.
(dalla Prefazione di Maria Paola Fiorensoli)
Lidia Are Caverni, nata a Olbia nel 1941, ha abitato per 11 anni
a Livorno e dal 1957 risiede a Venezia-Mestre. Insegnante elementare
in pensione, scrive sin da giovanissima. Ha pubblicato molti
libri di poesia e narrativa oltre a un breve saggio pedagogico. Ha
ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il Premio poesia donne con
un libro edito da Passigli, ed è stata più volte finalista del Premio
Mangiaparole. Alcune sue poesie sono state tradotte in lingua
anglo-americana.

L’incontro con la scrittura di Lidia Are Caverni, migrante nell’infanzia e nell’adolescenza dalla Sardegna (Olbia) alla Toscana (Livorno) e approdata a Venezia- Mestre, è di quelli che lasciano una traccia nella memoria emozionale. Cittadina di porto, abitatrice di spazi liminari terramare, accoglie ciò che il vento dell’ispirazione le porta dalle onde e dalle zolle e lo declina nella pluralità dei linguaggi che abitano le banchine, dove si arriva e si parte da/per altri luoghi.

Ai bambini e alle bambine cui ha insegnato, da maestra, come ai lettori e alle lettrici che la seguono dall’esordio ha regalato una prosa e una poetica piena di sonorità, d’evocazioni saldamente radicate nelle sue passioni per l’antropologia e la storia, di scavo in grotte e in stanze dove aleggia il mito ma l’incontro è con i sogni e con il quotidiano.

(dalla Prefazione di Maria Paola Fiorensoli)

 

L'autrice

Lidia Are Caverni, nata a Olbia nel 1941, ha abitato per 11 anni a Livorno e dal 1957 risiede a Venezia-Mestre. Insegnante elementare in pensione, scrive sin da giovanissima. Ha pubblicato molti libri di poesia e narrativa oltre a un breve saggio pedagogico. Ha ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il Premio poesia donne con un libro edito da Passigli, ed è stata più volte finalista del Premio Mangiaparole. Alcune sue poesie sono state tradotte in lingua anglo-americana.

 

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

La maschera scomparsa

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: