Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

La ragazza dell'isola bianca

15,00 €
Nessuna tassa

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Protagonista principale è Mietta, la ragazza dell’Isola Bianca del titolo, una donna bella, affascinante, minuta, apparentemente debole e invece forte, libera, determinata. Accanto, nel ruolo di coprotagonista e di narratore, c’è un uomo, il figlio, che della vita di Mietta vuole ricostruire ogni attimo.

Si parte da una fotografia – un sorriso in un giorno d’estate su una spiaggia della Sardegna – e in un certo senso si finisce, come scrive Bruno Manfellotto nella presentazione, dietro la stessa fotografia, scoprendo ciò che  Mietta ha vissuto e tenuto celato con una forza che nessuno, prima, le conosceva: sembrava che gli altri dovessero soccorrerla per la sua fragilità, ma in realtà era stata proprio lei, nonostante tutto, a salvaguardare gli affetti familiari fingendo e sorridendo, ma forse senza mai riuscire a cancellare dallo sguardo una dolce mestizia di cui solo all’ultima pagina scopriremo l’origine e l’essenza. Chiusa la sua indagine, ricostruito ogni elemento di una vita lontana e sconosciuta, il figlio può sussurrare alla madre: ora, dormi tranquilla. L’ultima carezza.

 

L'autore

 

Augusto  Sambiagio,  nato  accidental-

mente a Napoli da genitori sardi, ha vissu-
to i primi anni della sua vita in Sardegna –
saltuariamente  a  Olbia  e  stabilmente  a
Sassari – per trasferirsi, poi, con i genitori,
a Roma dove tuttora vive. Ha tre passioni:
l’architettura,  che  ha  scelto  come  profes-
sione, la pittura e la scrittura in versi e in
prosa;  a  quest’ultima  sta  dedicando  con
intensità la sua attuale esistenza. Ha, inol-
tre, un amore profondo: quello per la sua
terra  d’origine.  E  infine,  un  hobby:  dise-
gnare, progettare e realizzare oggetti d’ar-
redo.  Ha  molto  viaggiato  –  per  diletto  e
ancor  di  più  per  lavoro  –  soprattutto
all’estero; in Europa, nell’Estremo e Vicino
Oriente  e  nelle  Americhe,  dove  ha  anche
temporaneamente  risieduto.  In  Sardegna
è tornato regolarmente e a lungo durante
gli anni della giovinezza, e, dopo un’invo-
lontaria e sofferta lontananza, ha di recen-
te intensificato i suoi “rimpatri”.

Augusto Sambiagio, nato accidentalmente a Napoli da genitori sardi, ha vissuto i primi anni della sua vita in Sardegna – saltuariamente a Olbia e stabilmente a Sassari – per trasferirsi, poi, con i genitori, a Roma dove tuttora vive. Ha tre passioni: l’architettura, che ha scelto come professione, la pittura e la scrittura in versi e in prosa; a quest’ultima sta dedicando con intensità la sua attuale esistenza. Ha, inoltre, un amore profondo: quello per la sua terra d’origine. E infine, un hobby: disegnare, progettare e realizzare oggetti d’ar redo. Ha molto viaggiato – per diletto e ancor di più per lavoro – soprattutto all’estero; in Europa, nell’Estremo e Vicino Oriente e nelle Americhe, dove ha anche temporaneamente risieduto. In Sardegna è tornato regolarmente e a lungo durante gli anni della giovinezza, e, dopo un’involontaria e sofferta lontananza, ha di recente intensificato i suoi “rimpatri”. 

 

 

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

La ragazza dell'isola bianca

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: