Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Dimmi

I sonetti non finiscono mai

12,00 €
Nessuna tassa

 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Innumerevoli, insomma, gli spunti narrativi di questaraccolta, tanto ironica e divertente quanto provocatoria e irridente: motivi ispiratori, pretesti polemici, allusioni e/oprecisi richiami storici, letterari, politici… tutto snocciolato o meglio capato per il gusto, probabilmente, solo di raccontare in piena libertà, di giudizio e poetica, spaziando a tutto tondo. Non sembra ci sia un ordine, un copione, l’idea che se ne ricava, piuttosto, è quella di uncanovaccio vissuto prima in punta di pelle e poi di penna,tanto che l’insieme si presenta come un groviglio variegatoe multiforme, apparentemente difficile da districare. Verrebbe quasi voglia di rinunciare a trovare un filo, una logica, un fine ultimo…

Innumerevoli, insomma, gli spunti narrativi di questa
raccolta, tanto ironica e divertente quanto provocatoria e
irridente: motivi ispiratori, pretesti polemici, allusioni e/o
precisi richiami storici, letterari, politici… tutto snoccio-
lato o meglio capato per il gusto, probabilmente, solo di

 

L'autore

 

Giulio Gatti (Roma, 1941), pittore e poeta, amico di pittori e poeti, proveniente dagli studi classici e laureato in Legge, è un ex-funzionario pubblico che risiede da anni in provincia di Modena. Da sempre cultore appassionato del Belli, rispettosamente si propone, con questo lavoro, di riprenderne e trasmetterne, almeno in parte, lo spirito. Né letterato, né filologo, usa qui la parlata romanesca così come ascoltata e appresa, negli anni passati, fuori di casa, nel quartiere Prati e altrove, con gli amici, per strada, al bar, nei locali pubblici, in taxi o in tram, sperando che questa “favella” possa ancora essere trasmessa e amata nel futuro dei giorni bui che ci aspettano.

Sollecitato dagli amici, esordisce presso un Pubblico più vasto, dando alle stampe questo suo primo libro.

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

I sonetti non finiscono mai

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: