Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok

Un sipario a cancelli - Le mille patrie di Carlo Levi

0 Review(s) 

L’autore ha sentito tensione, ha previsto l’enorme ostacolo, come gli animali sentono un po’ prima il terremoto o l’arrivo del fuoco. Tornando indietro per dare un senso allo spazio vuoto, Carlo Levi, una volta smantellato il confino, si è reso conto che non c’era niente a cui ritornare, non c’erano strade da seguire o luoghi da raggiungere o gruppi con cui incamminarsi. Al confino intendono toglierti spazio e respiro, in modo che non si senta la voce, e non giunga parola. Dalla prefazione di Furio Colombo

 

5,00 €
Nessuna tassa

100% pagamenti sicuri
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

L’autore ha sentito tensione, ha previsto l’enorme ostacolo, come gli animali sentono un po’ prima il terremoto o l’arrivo del fuoco. Tornando indietro per dare un senso allo spazio vuoto, Carlo Levi, una volta smantellato il confino, si è reso conto che non c’era niente a cui ritornare, non c’erano strade da seguire o luoghi da raggiungere o gruppi con cui incamminarsi. Al confino intendono toglierti spazio e respiro, in modo che non si senta la voce, e non giunga parola. Poi esci e dopo poco ti accorgi che non ti hanno affatto restituito tutto come si fa all’uscita dalla prigione, le chiavi, gli oggetti personali, piccole cose care. Non ti hanno restituito niente. Non ti hanno restituito la voce.

Dalla prefazione di Furio Colombo

 

L'autore

Vittorio Pavoncello, da sempre attento agli sviluppi dell’arte e della scienza, ha realizzato sia spettacoli teatrali sia mostre. Fra le opere, oltre a La scelta di Turing, Il clima cambia la musica no, dove un gruppo di poeti-migranti si trova inserito in un programma di ecologia dell’ONU. Attualmente è direttore artistico della associazione ECAD e curatore del fermento artistico Spamarte che si occupa dei fenomeni di esclusione sociale. Numerose le pubblicazioni e la collaborazione con Edizioni Progetto Cultura. Fra le sue opere recenti:

 - il romanzo Tutte le foto del mondo tranne una, vincitore del Premio Internazionale Capalbio 2017, Edizioni Progetto Cultura, Roma (2016).

- CHEESE! Un mondo di selfie a cura di Vittorio Pavoncello, Mimesis Edizioni, Milano (2016).

- Il popolo del sogno. 50 incisioni dalla Bibbia ebraica, di Vittorio Pavoncello Ediz. Illustrata, Lantana Edizioni, Roma (2017).

- HITLER NON È MAI ESISTITO. Un memorabile oblio di Furio Colombo e Vittorio Pavoncello, Celid, Torino (2018).

- La scelta di Touring di Vittorio Pavoncello, Edizioni Progetto Cultura, Roma (2018).

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Un sipario a cancelli - Le mille patrie di Carlo Levi

L’autore ha sentito tensione, ha previsto l’enorme ostacolo, come gli animali sentono un po’ prima il terremoto o l’arrivo del fuoco. Tornando indietro per dare un senso allo spazio vuoto, Carlo Levi, una volta smantellato il confino, si è reso conto che non c’era niente a cui ritornare, non c’erano strade da seguire o luoghi da raggiungere o gruppi con cui incamminarsi. Al confino intendono toglierti spazio e respiro, in modo che non si senta la voce, e non giunga parola. Dalla prefazione di Furio Colombo

 

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: