Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
Chiedi pure
  • Nuovo

Umana Farsa - versi in TERZA rima Nel Parco

0 Review(s) 
Dante, padre della lingua e della poesia italiana, scelse e plasmò il volgare, una lingua insieme ricca e densa, bassa ma capace di salire dall’Inferno fino all’indicibile del Paradiso. Mentre lavoravo all’Umana farsa mi convincevo sul campo che la sua metrica è capace ancora oggi di esprimere temi e sentire contemporanei (lo dimostrano già, senza che serva il mio apporto, illustri esempi della nostra poesia recente).
5,00 €
Nessuna tassa

100% secure payments
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Dante, padre della lingua e della poesia italiana, scelse e plasmò il volgare, una lingua insieme ricca e densa, bassa ma capace di salire dall’Inferno fino all’indicibile del Paradiso. Mentre lavoravo all’Umana farsa mi convincevo sul campo che la sua metrica è capace ancora oggi di esprimere temi e sentire contemporanei (lo dimostrano già, senza che serva il mio apporto, illustri esempi della nostra poesia recente).

Biografia

NOTA BIO-BIBLIOGRAFICA Maurizio Mazzurco è nato a Udine nel 1956. Si è laureato e vive a Roma. Fin da ragazzo ha scritto poesie, che per molti anni non sono uscite da una cerchia ristretta di amici e conoscenti. Ha pubblicato: Poetica, stampato in proprio, Roma, 1983; Non altrove, Lo Faro Editore, Roma, 1985; Latrando silenzi al vento, Enoteca Letteraria, Roma, 2016 (vincitore premio Patria Letteratura 2017); L’esperienza della vita, Edizioni Ensemble, Roma, 2018. È in stampa per Lithos Editore, Roma, la nuova raccolta Giochi innocenti con prefazione di Giorgio Patrizi. È stato accolto nelle antologie Porte, 2015, Tempo, 2017, Cammino, 2018, a cura di Maria Letizia Avato, e Buchi neri e vuoti di memoria, 2020, a cura di Vittorio Pavoncello e Luciana Raggi, Edizioni Progetto Cultura, Roma. Ha avuto menzioni di merito al premio Albero Andronico 2017 e al premio La Clessidra 2019. Ha curato l’edizione italiana di Voces desde la orilla (Voci dalla riva, traduzione di Claudio Fiorentini) della poetessa peruviana Ana Varela Tafur, in stampa per Edizioni Progetto Cultura, Roma. Con Fabio Sebastiani e Luciana Raggi ha promosso Gabbia no, poemetto collettivo in terza rima, Edizioni Progetto Cultura, Roma, 2020 (prefazione in versi di Dante Maffia). I suoi versi sono stati scelti per alcuni spettacoli di teatro-poesia. Ha avuto occasione di portare la poesia nelle scuole primarie e secondarie.

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Umana Farsa - versi in TERZA rima Nel Parco

Dante, padre della lingua e della poesia italiana, scelse e plasmò il volgare, una lingua insieme ricca e densa, bassa ma capace di salire dall’Inferno fino all’indicibile del Paradiso. Mentre lavoravo all’Umana farsa mi convincevo sul campo che la sua metrica è capace ancora oggi di esprimere temi e sentire contemporanei (lo dimostrano già, senza che serva il mio apporto, illustri esempi della nostra poesia recente).

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: