Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
  • Nuovo

L'arte di morire di Giorgio Fabretti

0 Review(s) 
L’Ars moriendi rinascimentale, 
il primo e più venduto libro a stampa,
nei commenti d’un antropologo d’oggi
15,00 €
Nessuna tassa

100% secure payments
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

L’ARS MORIENDI era il libro più diffuso e venduto durante le pesti del Rinascimento, utile – insieme al Sacramento dell’Estrema Unzione – a preparare il ‘trapasso all’altro mondo’ che è il viaggio che tutti debbono fare: un viaggio gratuito, con biglietto di sola andata, che per molti significa anche liberazione da ansie e dolori che la cosiddetta civiltà sembra non poter fare a meno d’infliggere al suo prossimo. 
Però la morte è, in primo luogo, maestra di verità, perché segna e insegna il grande limite di quella ‘menzogna cosmica’ che è la vita. Proprio per questi insegnamenti di verità, forse, in alcuni riti funebri la morte viene considerata anche una festa, in cui si celebra il contributo che coloro che non sono più di questo mondo hanno dato al flusso universale degli eventi che, in quanto eterno, nessuna morte può cancellare. 
Mettetevi dunque comodi, toccatevi il teschio che avete intorno agli occhi e leggete queste considerazioni per rifletterci sopra e pensare alla morte con la stessa gioia e lo stesso entusiasmo con cui state affrontando la vita.

           

L’antico libro L’ARS MORIENDI è stato rimeditato al tempo del Covid da Giorgio Fabretti, antropologo storico che ha studiato morte e guerre tra specie animali e in molte culture e religioni nel mondo. Docente e ricercatore emerito nel campo antropologico, geopolitico e filosofico della scienza, Giorgio Fabretti è erede di Raffaele Fabretti, “Principe della Romana Antichità”, fondatore dell’Accademia di Scienze (1674), dell’Arcadia (1691) e dell’Archeologia Romana (1699). Dopo R. Fabretti, Newton, Stukeley e Darwin, la “Filosofia della Natura” degli antichi Arcadi e Druidi diventa “Scienza bioecoetica” che Giorgio Fabretti, con la “Fondazione G. e R. Fabretti”, porta avanti da 50 anni attraverso studi e laboratori, anche in ambito universitario. Recentemente ha pubblicato i seguenti saggi: Il Postumano - Prospettive di Ingegneria dell’Ominazione; Darwin ultimo druido - L’Ordine Mondiale dopo guerre e pandemie; Chi vincerà la Guerra Mondiale a pezzi? - La questione del ruolo culturale europeo; Santità della scienza - Verso il Concilio Vaticano Terzo; Da scimmia a umanoide. 

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

L'arte di morire di Giorgio Fabretti

L’Ars moriendi rinascimentale, 
il primo e più venduto libro a stampa,
nei commenti d’un antropologo d’oggi

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: