Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
  • Nuovo

Un'altra pelle - Edith Dzieduszycka

0 Review(s) 
Il titolo è esemplare: Un’altra pelle. E l’immagine che lo accompagna è quella del camaleonte. Ecco! La poetessa trasmigra continuamente da una situazione mentale all’altra.
12,00 €
Nessuna tassa

Pagamenti sicuri al 100%
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

Dalla logica puntuta all’ironia. Dalle sezioni “uno” a “quattro” dove “Sta riscaldando” come una “serpe sulla pietra / la pelle al sole”, giunge a “Sotto la brace”, l’ultima sezione della raccolta. Che ci sarà sotto? Cenere o tizzoni ancora ardenti? Il viaggio è in corso. Ma è un viaggio di purificazione. O di implicazione? “Scarsa la luce / il gioco si fa duro / andiamo al sodo.”
Edith Dzieduszycka sperimenta sé stessa, cambia pelle, si denuda, torna indietro, avanza e retrocede. E ne è consapevole. Da una parte sa che sta utilizzando gli haiku non per ciò che questi sono all’interno della tradizione culturale dell’estetica giapponese, ma per ciò che questa forma poetica le può permettere: Un’altra pelle potrebbe intendersi anche in quell’ottica e quel desiderio di evadere dai sentiers battus! In effetti, la sua attenzione intellettuale e la sua creatività cercavano una struttura che potesse scalfire la prosopopea della versificazione lineare francese e italiana per costringere sé stessa alla “brevità” e alla “essenzialità”. È il famoso “risparmio verbale” di cui parlava Zanzotto. E lo haiku è proprio questo. Balenio di una saetta, abbaglio di uno specchio. Allucinazione. Intuizione. Frammento, chiuso e rotondo. Spesso sotto forma epigrammatica… 
(Giuseppe Gallo)

L'autrice
Edith Dzieduszycka, di nazionalità francese, nasce a Strasburgo. Studi classici. Lavora 12 anni al Consiglio d’Europa. Secondo Premio dei Poeti dell’Est nel 1965. Si trasferisce in Italia nel 1968, Firenze, Milano, infine Roma dove vive dal 1979. Nel campo artistico, prima recensione da parte di Duccio Trombadori per il collage, Mario Giacomelli per la fotografia. Nel campo letterario, introduzione e lettura di Vittorio Sermonti per Diario di un addio (2007), primo libro scritto direttamente in italiano. Da allora numerose pubblicazioni: fotografia, poesia, alcune bilingue, due romanzi, racconti, haiku. Video su Youtube. Sito: www.edithdz.com

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Un'altra pelle - Edith Dzieduszycka

Il titolo è esemplare: Un’altra pelle. E l’immagine che lo accompagna è quella del camaleonte. Ecco! La poetessa trasmigra continuamente da una situazione mentale all’altra.

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: