Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok

Frammenti, silloge di Lorenzo Poggi

0 Review(s) 
Nei miei versi si respira l’odore della bottega artigiana, versi costruiti sulle osservazioni del quotidiano più che alla scrivania, con le mani sporche di terra e gli occhi attenti alle nuvole, alle bottiglie vuote di birra lasciate sulle panchine, a quanto ci stiamo allontanando dal nostro essere umani. 
(Dalla nota dell’autore)
12,00 €
Nessuna tassa

Pagamenti sicuri al 100%
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

Da un verso all’altro
Mentre svolazzo da un verso all’altro
mi confondo le dita nei capelli
e trasecolo di prosa falsificata
e di pensieri in rima con “ore”.

Poi c’è il verso che sottende tutto
poiché non c’è bisogno di capire
basta apprezzare il suono 
d’una canzone che non c’è.



L'autore
Lorenzo Poggi è un “giovane” poeta romano (ma tanto vecchio d’anni) esploso come un vulcano da troppo tempo dormiente. La lava dei suoi versi (con oltre 2500 poesie) scorre ininterrottamente da 10 anni. È stato per oltre 20 anni capo redattore della “Guida delle Regioni d’Italia” annuario d’informazioni anagrafiche sulle principali strutture regionali e statali in tre volumi e oltre 4000 pagine. Successivamente per oltre 10 anni è stato direttore responsabile della “Guida ai Governi locali” un semestrale di aggiornamento sulle giunte e consigli di regioni, province e comuni. È tornato alla poesia, a cui si era dedicato in gioventù, nel 2010. Ha pubblicato “Sassi sparsi” (2010), “Sussurri e grida” (2011), “Il cielo che aspetta” (2011), “La luna nel pozzo” (2012), “Mentre cammino” (2012), “Versi cor(ro)sivi” (2015), “Quel ragazzo che provava a volare” (2016), “Stretti sentieri” (2017), “Se questo è canto” (2018), “La nauseatudine” (2019), “Roma nostra” (2020) e “Quello che resta” (2020). Con “La nauseatudine” ha vinto il primo premio nella IX edizione del premio nazionale di poesia “L’arte in versi”.

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Frammenti, silloge di Lorenzo Poggi

Nei miei versi si respira l’odore della bottega artigiana, versi costruiti sulle osservazioni del quotidiano più che alla scrivania, con le mani sporche di terra e gli occhi attenti alle nuvole, alle bottiglie vuote di birra lasciate sulle panchine, a quanto ci stiamo allontanando dal nostro essere umani. 
(Dalla nota dell’autore)

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: