Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
  • Nuovo

I segreti del generale anarchico

0 Review(s) 
Ancora una volta l’ispettore Priamo Melis del distaccamento di polizia di Bosa si trova a dover indagare su una morte misteriosa: il corpo del Generale Paride Ferralis viene rinvenuto dal garzone di un fornaio.
14,00 €
Nessuna tassa

Pagamenti sicuri al 100%
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

Alcuni particolari della vicenda inducono Priamo a pensare che possa trattarsi di omicidio, anche se il referto medico esclude tassativamente la morte violenta.
Come già descritto nei due precedenti romanzi questo strano personaggio, l’investigatore lieve e improbabile, l’uomo schivo e sognatore, è costretto suo malgrado a misurarsi con un altro caso complicato del quale avrebbe fatto volentieri a meno.
Il “pool” che gestisce le indagini è composto dalla sua tradizionale “spalla”, Antonello, autodidatta credulone e scaramantico e dall’agente scelto Onofrio Pallotta, proveniente dal lontano Molise, che evidenzia un sapere antico frutto di una radicata cultura contadina oltre ad una forte connotazione politica. 
La vicenda si dipana tra tiepidi entusiasmi investigativi e meste ricadute nel ginepraio della burocrazia, tipica degli apparati di polizia.
Il finale a sorpresa restituisce slancio e ottimismo a tutti i protagonisti della vicenda, anche se all’ispettore Melis rimane un sottile rimpianto per tutte le occasioni che la vita gli ha offerto e che  non è riuscito a cogliere. 

L'autore
Massimo Marinelli, molisano di Agnone ma residente a Roma da oltre quarant’anni per motivi di lavoro, ama ambientare i suoi racconti a Bosa, piccolo centro della costa nord occidentale della Sardegna. 
Le prospettive asimmetriche e colorate del quartiere medievale di questo centro e le suggestioni che promanano dal dedalo dei suoi vicoli rappresentano, secondo l’autore, lo scenario ideale dei suoi noir, da qualcuno definiti “mediterranei”.
Ha già pubblicato Via Ultima Costa e Una improbabile verità.

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

I segreti del generale anarchico

Ancora una volta l’ispettore Priamo Melis del distaccamento di polizia di Bosa si trova a dover indagare su una morte misteriosa: il corpo del Generale Paride Ferralis viene rinvenuto dal garzone di un fornaio.

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: