Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok
  • Nuovo

LES CHOSES DE LA VIE- M. L. Colasson

0 Review(s) 
Nella poesia di Marie Laure Colasson è scomparsa la manifestatività scandalosa delle «cose», i frasari post-veritativi mostrano il vuoto sotto vetro che aleggia nelle parole: tutti i messaggi comunicazionali sono finzione, parole alla berlina della loro insignificanza assolutoria
12,00 €
Nessuna tassa

Pagamenti sicuri al 100%
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

. La Colasson, al contrario degli autori ipoveritativi che della ipoverità ne fanno un sistema significazionale, adotta le ipoverità per mostrarne l’involucro. La «nuda vita delle parole» qui dà luogo alla «nuda verità ipoveritativa» della poesia kitchen; assistiamo alla scomparsa totale della punteggiatura e alla quasi disparizione dei verbi, il che implica l’eclisse totale dell’io plenipotenziario; le onomata risultano galleggiare sulla superficie di un tessuto grammaticale alleggerito, raffreddato, iperbarico. L’assenza dei verbi è la spia segnaletica di una nuova situazione ontologica del linguaggio che richiede l’assenza di azione verbale, di azione sulle cose che risultano galleggiare in uno spazio di albume, incolori e inodori; si assiste alla scomparsa del «destino»; le cose uscite fuori dal valore di scambio e dal valore d’uso si rivelano inerti, cose della «nuda vita», in quanto deprivate di significato. Se il realismo è lo stato vegetativo permanente della poiesis, la Colasson opta per la peritropè e la procedura serendipica, l’opera poietica torna così ad abitare il suo «luogo-non-luogo»: i sosia, gli avatar, le maschere abitano questo luogo «improprio» e lo fanno senza infingimenti e falsa coscienza; gli avatar sono gli estranei familiari, i fantasmi con cui conviviamo, e la poesia torna all’origine guardando al futuro, anzi, provenendo dal futuro, un passo indietro che significa andare avanti, per una poiesis che abiti il futuro come suo luogo più proprio. 

L'autore
Marie Laure Colasson è nata nel 1955 a Parigi e vive a Roma. Pittrice francese, ha esposto in molte gallerie italiane e francesi, sue opere si trovano nei musei di Giappone, Parigi e Argentina, insegna danza classica e contemporanea ed è coreografa di danza contemporanea, è redattrice della rivista on line lombradelleparole.
wordpress.com

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

LES CHOSES DE LA VIE- M. L. Colasson

Nella poesia di Marie Laure Colasson è scomparsa la manifestatività scandalosa delle «cose», i frasari post-veritativi mostrano il vuoto sotto vetro che aleggia nelle parole: tutti i messaggi comunicazionali sono finzione, parole alla berlina della loro insignificanza assolutoria

Scrivi la tua opinione

16 altri prodotti della stessa categoria: