Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Ok

Da grande voglio fare il veterinario

0 Review(s) 
10,00 €
Nessuna tassa

100% pagamenti sicuri
 

Politica sulla privacy

 

Spedizioni

 

Condizioni di vendita

Il pagamento in contrassegno è disponibile per i portatori di seguito indicati.

SDA

Il libro

C’era una volta il mio cane Ava... Un veterinario racconta la sua grande amicizia con un piccolo cane con cui, da bambino, condivideva tutti i suoi giochi e che gli ha fatto scegliere il suo futuro: quando qualcuno gli chiedeva “Cosa farai da grande?”, rispondeva con convinzione “Il veterinario!”

 

L'autore

Giancarlo Zani nasce a Gambara in provincia di Brescia, città in cui fin da piccolo si trasferisce. Trascorre l’infanzia nel quartiere Costalunga, tra colline e prati, circondato dalla natura e da tanti animali. Veterinario per vocazione, esercita la sua professione con la stessa gioia e la stessa soddisfazione che, da bambino, gli procurava la compagnia del suo cane Ava. Il sogno infantile si è realizzato e oggi, non più bambino, si gode ogni giorno il ritorno all’infanzia.

 

Incipit

Era il tempo in cui l’inverno cominciava a disegnare sui vetri della mia camera degli strani disegni. Ricordo che mi piaceva guardare quelle figure e cercare di trovare in esse qualcosa che mi fosse noto. A volte riuscivo a vedere dei cavalli che galoppavano, talvolta figure umane, ma più spesso la mia fantasia cercava in quegli arabeschi dei paesaggi montani ove regnava una quiete eterna e felice; chissà perché sin da bambino ho sempre collegato la calma alla felicità, ritenendole due cose complementari. Forse questa mia deduzione era dovuta al fatto che ogni volta che mi sentivo tranquillo ero anche felice del mio stato d’animo. Sarei rimasto in quello stato per ore se il freddo non mi avesse ricordato di scendere da basso dove mia madre mi attendeva e mi guardava mentre consumavo la prima colazione. Mentre mangiavo in fretta mia madre mi riassestava il maglione, che come sempre avevo messo senza cura, mi pettinava, ed eccomi pronto per andare a scuola. I libri erano già pronti dal giorno prima perché, sebbene non sia mai stato ordinato, mi è sempre piaciuto avere tutte le mie piccole cose a posto.

 

Riferimenti Specifici

Opinioni

Scrivi la tua opinione

Da grande voglio fare il veterinario

Scrivi la tua opinione

10 altri prodotti della stessa categoria: